Liberi dalla Blue Tongue i territori di Ragusa, S. Croce, Chiaramonte, Comiso, Vittoria, Modica e Scicli

Liberi dalla Blue Tongue i territori di Ragusa, S. Croce, Chiaramonte, Comiso, Vittoria, Modica e Scicli

I territori di S. Croce, Chiaramonte, Comiso, Vittoria, Modica , Scicli e del capoluogo sono liberi dal virus della Blue Tongue. Il provvedimento di revoca della dichiarazione di zona infetta di Blue Tongue sierotipo 3 è stato firmato dal commissario straordinario dell’Asp di ragusa, Angelo Aliquò. La revoca è scaturita dalle risultanze dell’indagine epidemiologica svolta dal Servizio di Sanità animale dell’ ASP e trascorsi 60 giorni, previsti per legge, dall’ultimo caso di Blue tongue accertato nell’azienda focolaio. Un nuovo focolaio, tuttavia, è stato accertato in una azienda del territorio di Noto e perratnto una nuova zona infetta è stata accertata ricadente nei territori di Giarratana, Chiaramonte, Modica e Ragusa riguardante circa 700 allevamenti. La movimentazione degli animali da allevamento appartenenti alle specie sensibili alla Blue Tongue (bovini e ovicaprini), stante le attuali disposizioni del Ministero della Salute è sottoposta rigide regole emanate dall’Asp e che dovranno essere osservate dai titolari degli allevamenti.
Gli uffici Veterinari dei Distretti di Ragusa, Modica e Vittoria sono a disposizione degli allevatori per eventuali ulteriori chiarimenti. L’Asp ha precisato che la Blue Tongue è provocata da un virus assolutamente non patogeno per l’uomo. Si tratta di una malattia limitata all’ambito zootecnico relativamente alla quale non esiste alcun rischio per la popolazione umana.