Commercianti e commissari a confronto sulla movida di Vittoria

Commercianti e commissari a confronto sulla movida di Vittoria

Mettersi in regola utilizzando l’associazione di categoria come veicolo. Solo così sarà possibile sviluppare in città una economia positiva. L’incontro tenutosi a palazzo Iacono tra la sezione cittadina dell’Ascom e la commissione prefettizia è stato distensivo. L’incontro era stato richiesto dall’associazione di categoria dopo le multe comminate ai titolari di alcuni pub del centro storico per il mancato rispetto delle regole sui dehors e sulle emissioni sonore. L’Ascom era rappresentata dal presidente sezionale Gregorio Lenzo, con Antonio Prelati e Salvatore Guastella, oltre a Orazio Firrincieli in rappresentanza dei pubblici esercizi. Presente anche il presidente provinciale Confcommercio Ragusa, Gianluca Manenti, che sta seguendo con attenzione le varie fasi del confronto.

Per l’ente di palazzo Iacono, invece, c’era il commissario Gaetano D’Erba con il dirigente di settore, Salvatore Guadagnino. «Da parte di chi amministra oggi la città –spiega il presidente Lenzo– c’è stata l’assunzione di impegno a superare le criticità idriche, la questione del carico e scarico merce in più per aiutare le operazioni di consegna e nello specifico uno stallo per l’autobotte del Comune per rifornire gli esercizi. Abbiamo spiegato, inoltre, di essere pronti a farci carico delle istanze che provengono dal comparto attraverso l´associazione di categoria per far sì che possano essere potenziati i servizi necessari per un’economia, quella della movida, in forte crescita. Ma conveniamo sul fatto che, prima di tutto, debba esserci il rispetto delle regole. Motivo per cui abbiamo già deciso di indire una nuova assemblea con i titolari di pub e pubblici esercizi per martedì 12 presso la nostra sede Il nostro compito sarà quello di far sì che quanti più esercizi possano rispettare le regole per far crescere meglio la città che ha numerose potenzialità così come sottolineato dagli stessi commissari. Il nostro impegno, in questa direzione, sarà assoluto. E chiediamo la collaborazione di tutti per far sì che il traguardo dell’ulteriore crescita possa essere tagliato tutti assieme».