Scicli spedisce i rifiuti ad Alcamo. Polemica sui costi

L’emergenza rifiuti costringerà l’amministrazione a conferire nella discarica di Alcamo. Otto ore di viaggio dei camion dal ragusano al trapanese con un costo che Sinistra Italiana calcola essere 40 mila euro per quest’anno e di 90 mila per il primo trimestre del 2019. L’amministrazione dovrà spendere così quasi mille euro al giorno per fronteggiare una situazione difficile.
Dice SI: «Quanto e cosa debbono ancora sopportare i cittadini di Scicli per avere le strade e le campagne ridotte a discariche a cielo aperto? Come si fa a confidare che la situazione possa migliorare, visti i continui proclami e i continui flop di questa amministrazione?».

Sull’argomento interviene anche la locale sezione dell’Ascom: «Si continuano a registrare, ormai da giorni, tutta una serie di problematiche inerenti la raccolta differenziata dei rifiuti presso le attività commerciali di Scicli. Abbiamo deciso – afferma il presidente Raffaele Giallongo- di richiedere un incontro urgente al sindaco e all’assessore al ramo, al fine di consentire alle imprese commerciali di conferire nel modo migliore evitando disguidi e sanzioni».

Il circolo Kiafura di Legambiente ha detto la sua: «Raccolta differenziata da migliorare, inciviltà da sanzionare, evasori da scovare, azienda di gestione da controllare. Un´emergenza che passa anche attraverso gli incendi ad alcuni cassonetti dislocati nelle campagne del territorio. L´ultimo incendio, in ordine di tempo, a monte della frazione di Donnalucata, dopo quello che aveva distrutto nei giorni scorsi alcuni contenitori sulla strada provinciale che collega la città con la fascia costiera dal versante interno». Per la presidente Alessia Gambuzza «l’imbuto che si è venuto a creare è dovuto agli eccessivi conferimenti di rifiuti indifferenziati all’impianto di trattamento meccanico biologico nella discarica di Cava dei Modicani. Ogni Comune della provincia di Ragusa ha una soglia settimanale di rifiuti indifferenziati da conferire nell´impianto ragusano ed il Comune sciclitano, a causa della ancora bassa raccolta differenziata che tra il mese di ottobre e quello di novembre è scesa al 18,6 per cento, esaurisce prima degli altri il bonus di conferimento».