Niente cuochi, barman e camerieri pure nel Ragusano

Anche in provincia di Ragusa c’è carenza di lavoratori stagionali qualificati. In vista del picco della stagione estiva già entrata di fatto nel vivo non si trovano camerieri, barman e cuochi qualificati, ovvero il cuore pulsante del settore della ristorazione. La causa di questa situazione è imputabile, secondo i diretti interessati, al reddito di cittadinanza che induce i lavoratori stagionali a non accettare le proposte lavorative, proprio per non perdere il sussidio statale che consente peraltro loro di percepirlo senza far niente. Nel settore alberghiero mancano soprattutto le figure di medio livello, quelle che hanno una retribuzione media intorno ai 1.200 – 1-300 euro al mese, dunque uno stipendio di tutto rispetto, specie di questi tempi di crisi ed incertezze causate dal covid.