Il covid induce i risparmiatori a tenere ancora più soldi in banca

Il covid induce i risparmiatori a tenere ancora più soldi in banca

Nei primi nove mesi dell’anno sia le imprese (+21%), sia le famiglie (+3,4%) hanno incrementato le somme sui conti correnti, soprattutto nelle piccole province, in concomitanza con l’inizio della pandemia covid. La circostanza si evince dai dati della Banca D’Italia e ripresi da “Il Sole 24 ore”. Dall’indagine, infatti, emerge una mappa dei depositi pro capite che vede in testa, per crescita registrata in 8 mesi, Ragusa (+14,6%), Lucca (+11.8%) e Sassari(+11,7%). Il fenomeno va letto alla luce dei timori sul futuro, ma anche delle misure straordinarie varate dal Governo.