I nuclei familiari potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza in Sicilia sono 342.880

I nuclei familiari potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza in Sicilia sono 342.880

I nuclei familiari potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza, secondo le elaborazioni Svimez, in Sicilia sono 342.880. Un dato che comprende tutte e tre le fasce di reddito previste da 0 a 9.000 euro. Ragusa è penultima in Sicilia per numero di potenziali beneficiari visto che il dato parla di 16.800, poco più di Enna, ultima in questa classifica con 10.500. Palermo è in testa con 100.800, segue Catania con 80.300, poi Messina, 33.400, Agrigento, 27.900, Caltanissetta 21.400, Messina 33.400, Trapani 26.900. “Si considerano potenziali beneficiari del reddito di cittadinanza – come dice lo Svimez – i nuclei familiari con Isee da 0 a 9.000 euro per provincia (dichiarazioni relative al 2016). Per l’ampiezza delle famiglie si prendono i dati Istat relativi alle famiglie in povertà assoluta”.

Potrebbero essere circa 60.000, ad esempio, le domande in arrivo negli uffici comunali di Palermo. Nel capoluogo siciliano si cominciano già a elaborare stime per fare fronte alla platea di persone che richiederanno il reddito di cittadinanza. Ma i beneficiari saranno non più di 25.000. L’Ufficio parlamentare di bilancio stima che circa il 56% dei nuclei beneficiari “sia residente al Sud e nelle isole, mentre circa il 28 per cento nel Nord”. Ogni beneficiario del reddito di cittadinanza deve svolgere almeno otto ore alla settimana di servizi per la collettività. E saranno proprio i comuni a organizzare i servizi, tra mille difficoltà.