Bando rinviato e approvazione bilancio 2017 per aeroporto Comiso

Bando rinviato, solo approvazione del bilancio 2017. I soci della Soaco, la società di gestione dell’aeroporto di Comiso, si limitano all’ordinaria amministrazione. L’assemblea, cui ha partecipato per la prima volta il sindaco Maria Ruta Schembari, ha rinviato a martedì 28 l’approvazione della bozza del bando di gara che prevede l’affitto temporaneo dell’azienda aeroportuale. Un punto delicato, che necessita di approfondimenti, vista la situazione in cui versa la Soaco, come ha spiegato la stessa Schembari: «Abbiamo preso atto della bozza che ci è stata presentata e, avendo necessità di valutarla adeguatamente insieme al mio staff, ho chiesto un rinvio del punto. Il comune che rappresento ha un’enorme responsabilità patrimoniale, in quanto proprietario dell’aeroporto e intende agire nel pieno rispetto delle norme e con l’obiettivo dell’interesse del territorio».

L’assemblea ha innanzitutto preso atto delle dimissioni di Michela Stancheris, già assessore alla Cultura della giunta Crocetta, e insediata dallo stesso ex presidente della Regione nella società di gestione. Presenti il presidente Salvatore Nicolosi , Giuseppe Daniele e Alberto Leone, liquidatori di Intersac che detiene il 65% del pacchetto azionario di Soaco, e Maria Rita Schembari, che quale sindaco della città detiene il 35% delle quote oltre ai componenti del Cda di Soaco. L’assemblea dei soci ha preso visione del nuovo Piano Industriale di Soaco (2018 – 2020), approvato dal Cda di So.A.Co lo scorso 8 luglio che èè stato illustrato dall’amministratore delegato Giorgio Cappello.

Il consuntivo gestionale indica in 2 milioni 351 mila euro il disavanzo di Soaco, un deficit che pone la società in difficoltà nella gestione. Il consuntivo è stato approvato ed il sindaco precisa: «Si tratta di un’approvazione meramente tecnica volta responsabilmente a garantire l’operatività dello scalo. Ho chiesto pertanto, formalmente, di essere costantemente aggiornata sull’andamento della gestione e sulla situazione economica». Sul bando di gara riguardante il fitto dello scalo il sindaco ha le idee chiare: Ho chiesto formalmente a Soaco di richiedere in quanto il comune è proprietario, l’autorizzazione per l’affitto del ramo d’azienda. Il bando che sarà predisposto dovrà soddisfare sia le esigenze del socio privato Intersac, sia quelle del comune di Comiso che si fa carico delle attese di tutto il sud est siciliano, ma dovrà soprattutto muoversi nell’alveo del più assoluto rispetto delle norme. Faremo tutti i passi necessari e il 28 agosto potremo varare un bando che possa consentire all’aeroporto di continuare a vivere».