Archeologia negli Iblei: le novità su Cifali e San Nicola Giglia

Archeologia negli Iblei: le novità su Cifali e San Nicola Giglia

In ricordo dell’archeologa Anna Maria Sammito, scomparsa prematuramente a fine giugno, su iniziativa dell’Amministrazione comunale e d’intesa con il soprintendente di Ragusa Antonino Di Marco, si è svolto alla villa comunale di Chiaramonte Gulfi un focus di approfondimento sui risultati e sulle prospettive riguardanti gli scavi archeologici di contrada San Nicola Giglia e in contrada Cifali, su cui la stessa Sammito aveva per anni attivamente collaborato, unitamente all’archeologo Saverio Scerra, sempre della Soprintendenza di Ragusa, affiancati da team di studenti universitari, coordinati dai proprio docenti di riferimento dell’Università di Bologna e Genova. A San Nicola Giglia, dove scava il team dell’Università di Bologna, si lavora alla necropoli, che ha già riportato alla luce oltre 170 tombe bizantine e all’attiguo abitato; nei luoghi si è recentemente scoperta una complessa stratigrafia forse di età imperiale. In contrada Cifali, invece, si sta scavando ancora in questi giorni ed è presente il team dell’Università di Genova. Lavori che hanno portato alla luce un impianto termale attiguo al cimitero arabo. L’appuntamento culturale si è dunque concluso con il ricordo dell’archeologa Anna Maria Sammito.