Non demorde l’indagatore dei sogni in epoca di coronavirus

Non demorde l’indagatore dei sogni in epoca di coronavirus

Il coronavirus non ha bloccato lo scrittore Peppe Pierpaolo Stracquadanio che con “L’Indagatore dei Sogni – Triplice omicidio al policlinico di Bologna”, ha coronato il suo ultimo traguardo nel mondo della letteratura. “Un giallo in tinta rosa”, proprio come lo definisce Stracquadanio è quanto è nato in questo tragico momento mondiale. Già in pubblicazione dal mese di Gennaio, a causa di quanto è accaduto alla nostra Nazione, Stracquadanio ha dovuto rallentare la promozione del libro, non potendo fare la presentazione prevista a Bologna e nelle altre tappe dell’Italia. L’autore non ha demorso è ha attivato lo stesso la commercializzazione, garantendo lo stesso al suo pubblico la lettura e l’acquisto. Non solo, Stracquadanio racconta il suo prossimo romanzo: “Per l’estate sono certo che vedrò in carta il mio terzo romanzo, quello che mi ha fatto vivere in modo più leggero questo drammatico momento. In questi mesi considerato che non si poteva fare altro ho letto e scritto tanto, riuscendo a dare vita e completare il romanzo, che come mi piace descriverlo, un ottimo manuale d’amore”.

Interamente in tinta rosa che sarebbe dovuto uscire prima dell’Indagatore, ma che ha dovuto stoppare inserendo un capitolo che non è di poca importanza nel romanzo. L’ultimo capitolo: “Coronavirus”, dove lo scrittore racconta una relazione d’amore piena di colpi di scena al periodo della pandemia, e dove il famigerato investigatore finalmente si da vita con l’apertura della sua agenzia investigativa.