Corriere di Ragusa Nazionale

Lo Spid per giocare alle slot online tra sicurezza e legge

Lo SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale nato per garantire la massima sicurezza e privacy agli utenti. Proposto e regolamentato nel 2013 dall’allora deputato Stefano Quintarelli del governo Letta (che dal 2014 è presidente del Comitato di indirizzo dell’AgID, l’Agenzia per l’Italia digitale istituita dal governo Monti), il sistema è stato adottato da oltre 12.000 aziende tra pubbliche e private, proprio perché questo metodo di accesso ai servizi ha permesso di semplificare l’interazione tra cittadini e imprese con la Pubblica Amministrazione e con i fornitori di servizi privati. Accedendo con un unico login, infatti, gli utenti possono accedere a tantissimi servizi online senza temere che i loro dati personali e finanziari possano venire violati. Ad inserire lo SPID tra i metodi di registrazione ci sono anche molti casinò online.

Sicurezza online: lo SPID anche per il gioco d’azzardo
Garantire una maggior sicurezza online nella gestione dei dati degli utenti è un’opportunità che il settore del gambling non poteva farsi scappare. Lo SPID permette di snellire l’accesso e l’identificazione dei giocatori in fase di registrazione, perché possono usare una credenziale unica. I siti scommesse che usano SPID non hanno sostituito del tutto – almeno per il momento – il tradizionale metodo di accesso. Oltre all’opzione “Accedi con SPID”, infatti, gli utenti hanno ancora la possibilità di aprire un profilo su un portale di gambling utilizzando una password e un nome utente a loro scelta. Secondo la normativa vigente sullo SPID applicato agli operatori di gioco online, non è obbligatorio per gli utenti accedere con l’identità digitale.
Nonostante ciò, sono tante le attività che sono autorizzate dall’ADM ad operare nel mercato del gambling, e cioè i casinò online legali, che hanno scelto di adottare questa opzione di accesso ai loro siti tramite identity provider per dare agli utenti la garanzia di godere di una maggior sicurezza nelle operazioni di verifica dei loro dati ma anche nelle transazioni economiche online.

Un altro vantaggio di inserire lo SPID per giocare alle slot online e ai tanti giochi da casinò è quello di eliminare del tutto la possibilità di creare profili falsi per provare ad avere più chances di vincita sullo stesso portale. Per ogni sito di gambling, infatti, ogni utente può registrare un unico profilo. Ma ad essere eliminata è anche la possibilità che persone terze accedano al profilo di un utente perché hanno sbirciato la password e giochino con il suo portafoglio digitale. Per confermare l’accesso con SPID, infatti, non basta avere i dati di accesso, ma serve l’autorizzazione con una conferma sullo smartphone del titolare dell’identità digitale.

Bonus casinò: nascono quelli dedicati alla registrazione con SPID
I bonus di benvenuto sono un incentivo molto utilizzato dalla maggior parte dei siti di gambling per invogliare nuovi utenti a registrarsi. Secondo lo stesso principio, i casinò italiani hanno scelto di dedicare delle offerte soltanto agli utenti che procedono con la registrazione con SPID.

In pratica, chi sceglie di accedere con lo SPID per giocare alle slot online ha diritto a ricevere delle promozioni erogate dai casinò, fra cui i giri gratis (free spins) o voucher in denaro. In alcuni casi, per usufruire di questi bonus, è necessario applicare un codice bonus, ma generalmente basta iniziare il processo di registrazione. Dal momento che esistono molti tipi di bonus (sia per l’accesso con SPID che con la classica registrazione), quando si cercano informazioni sui migliori siti di gioco d’azzardo, è bene orientare la scelta anche considerando quali promozioni possano risultare più convenienti in base al proprio stile di gioco. Prima di iniziare a puntare alla slot machine, ad esempio, bisogna controllare i requisiti di puntata, quali promozioni vengono applicate, quanto dura l’offerta, quando avviene l’eventuale pagamento.

Come creare lo SPID
I cittadini che ancora non possiedono l’identità digitale e sono in regola con i requisiti minimi richiesti (essere un cittadino italiano con documento di identità valido, essere maggiorenne, avere un numero di telefono valido, la tessera sanitaria e un indirizzo e-mail attivo), possono scegliere un Identity Provider che fornirà i servizi. In Italia uno dei più utilizzati è Poste Italiane. La procedura si può eseguire in autonomia online (muniti di webcam per la verifica dell’identità online) o recandosi presso un ufficio postale o di pertinenza dell’Identity Provider scelto.

Condividi questo