Cani randagi terrorizzano i residenti della periferia di Ragusa e fanno strage di gatti. Allarme e denuncia

Corriere di Ragusa Cronaca

Cani randagi terrorizzano i residenti della periferia di Ragusa e fanno strage di gatti. Allarme e denuncia

RAGUSA – 5 cani randagi terrorizzano i residenti della periferia di Ragusa e fanno strage di gatti: lo denuncia il consigliere comunale del movimento Cinque Stelle Sergio Firrincieli, che riporta il documento ricevuto da alcuni residenti, i quali affermano: “Da circa 2 settimane, sulla strada comunale ex provinciale 116, contrada Prato e zone limitrofe fino all’elisuperficie e zona delle antenne, un branco di 5 cani terrorizza persone a piedi e ha fatto e continua a fare carneficina di gatti da compagnia che si macchiano solo della colpa di compiere una passeggiata serale nei pressi delle “loro” case. Questi cani sono sicuramente frutto di una cucciolata che è stata abbandonata come spesso succede nella zona. Non è possibile che si debba evitare anche una semplice passeggiata perché ci sono cani randagi ovunque, e non ci venite a dire che “i cani sono sotto monitoraggio e sono inoffensivi” perché non è così. Noi, come tanta altra gente, ci terrorizziamo se un cane ci viene dietro anche solo per giocare, figuriamoci un branco. E visto che il massacro dei gatti non è una notizia che desta scalpore nella nostra città, dobbiamo solo augurarci che non succeda qualcosa di più pesante. Garantiamo che il branco non è gestibile. Le soluzioni esistono ma è necessario pensare ai cittadini come persone da tutelare e non come futuri elettori. Probabilmente per un “politico” avere il plauso di tutte le menti è l’obiettivo principale ma prendere posizioni certe è sinonimo di personalità e di credibilità anche a scapito del consenso. Ad ogni buon fine, se si volesse intervenire, i cani a cui ci riferiamo hanno eletto la propria residenza in una casa diroccata sulla strada sopra citata”. “Fin qui – sottolinea dal canto suo Firrincieli – la presa di posizione di questi cittadini esasperati. Naturalmente, siamo assolutamente convinti che la tutela animale sia un elemento imprescindibile per una società evoluta. Ma, al contempo, non possiamo mettere a repentaglio l’incolumità dei cittadini. E segnalazioni come questa ne stiamo raccogliendo da più tempo e in varie parti della città. Ecco perché chiediamo che l’assessore al ramo effettui con chi di competenza un monitoraggio in zona e valuti come intervenire. La situazione sta davvero rischiando di sfuggire di mano e prima che accada l’irreparabile è necessario trovare delle soluzioni adeguate”.

Condividi questo