Virtus Eirene: si pensa alle scelte future

Corriere di Ragusa Sport: Basket

Virtus Eirene: si pensa alle scelte future

Basket, A1

La Virtus Eirene saluta (foto) e dà l’arrivederci. Sulle tribune del PalaMinardi sono stati in molti a domandarsi quante delle giocatrici biancoverdi torneranno a Ragusa per la prossima stagione e quali saranno le scelte della società. L’epilogo dei play off è stato in qualche modo scritto a seguito di un sesto posto finale in classifica che ha portato dritto al confronto con una delle corazzate, come Venezia. Per Ragusa, con un roster limitato, ed una qualità tecnica complessivamente inferiore, le due sconfitte certificano la conclusione anticipata della stagione. Coach Lino Lardo ci teneva ad arrivare almeno a gara 3 per giocarsela fino alla fine ma ammette: “La squadra non ha mai trovato la chimica giusta, gli infortuni non hanno mai aiutato ma nelle partite importanti non c’è stato mai risultato. Ci dispiace soprattutto per la società che ha investito su questa squadra, per i tifosi che ci sono stati vicini”.

Il tecnico ligure, ma prima di lui anche Mirco Diamanti, ha dovuto fare a meno di Martina Spinelli, che non ha neppure iniziato il campionato per via della lesione al crociato, e Laura Juskaite, infortunatasi nella parte finale della stagione regolare. Due perdite di spessore in un roster rinnovato ma che ha riservato alcune delusioni. Troppo incostanti le biancoverdi con cali di tensione probabilmente dovuti a dovere stare sempre sotto pressione in partita per mancanza di ricambi. Alla società tocca ora ripensare il futuro dopo dieci anni di A1. Le strade sono due: nuovi investimenti per una squadra capace di battersi al top o il via alla valorizzazione delle giocatrici più giovani per un futuro meno oneroso per la proprietà.