Peppe Scifo è stato riconfermato alla guida della Cgil provinciale

Corriere di Ragusa Attualità

Peppe Scifo è stato riconfermato alla guida della Cgil provinciale

RAGUSA – Peppe Scifo resta alla guida della Cgil provinciale per un altro mandato. Scifo, 47 anni, vittoriese, è stato confermato all’unanimità dal nuovo direttivo (il neo parlamentino della Cgil) che si compone di 83 elementi e in rappresentanza delle varie categorie a conclusione di una intensa due giorni che ha caratterizzato il 19mo congresso del sindacato. L’assemblea, per l’occasione, ha dedicato un lungo applauso a Biagio Conte, il frate laico scomparso dopo una lenta agonia e che esprimeva in pieno, è stato detto, i valori e l’azione di chi si è dedicato agli ultimi in piena sintonia con lo spirito della Cgil.

I temi della pace e della solidarietà sono stati centrali nel corso dei lavori ma non è mancata una finestra internazionale che il congresso ha volutamente dedicare al “Sindacato tra le 2 sponde del Mediterraneo” non solo per le problematiche vitali che si porta dietro ma soprattutto per una necessità di integrazione tra popoli attraverso gli strumenti della condivisione e del lavoro che sono valori assoluti e non disponibili.

Josef Bugeja, segretario generale Gwu (General Workers Union) di Malta ha sottolineato l’importanza della istituzione di contact point tra il sindacato di Malta e la Cgil di Ragusa a beneficio dei lavoratori frontalieri, ovvero i siciliani che lavorano nell’isola dei cavalieri e soprattutto sulle necessità di un adeguamento dei contratti di lavoro che sono diversi rispetto a quelli in vigore in Italia.

El Echi Abdallah, dell’Union General Tunisienne du Travail, ha evidenziato la necessità di difendere i valori della libertà che in Tunisia e non solo, sono in continuo arretramento e dove esistono grandi sacche di sfruttamento. Giuseppe Augurusa della Cgil nazionale e Ignazio Giudice hanno toccato temi più spiccatamente italiani mettendo l’accento sulla tutela dei lavoratori. Cristiano Zagatti, responsabile nazionale del comparto sanità della CGIL nazionale ha invece denunciato il definanziamento della spesa sanitaria. Il saluto del riconfermato segretario Peppe Scifo ha ribadito l’impegno a tutti i livelli per la difesa del lavoro e la tutela degli ultimi.