Rifiuti: in Sicilia si annaspa sull’indifferenziata, ma Ragusa agguanta comunque il primo posto

Corriere di Ragusa Attualità

Rifiuti: in Sicilia si annaspa sull’indifferenziata, ma Ragusa agguanta comunque il primo posto

La Sicilia migliora le percentuali di rifiuti indifferenziati prodotti per abitante ma resta sempre ultima tra le regioni italiane con meno del 50% dei rifiuti indifferenziati. Sono le città metropolitane, Palermo, Catania e Messina a trascinare a fondo la Sicilia con percentuali pessime mentre ci sono città capoluogo, e non, virtuose. Ragusa rientra tra queste perché è prima tra i capoluoghi siciliani con il suo 75,5%. Il capoluogo occupa, inoltre il secondo posto assoluto in Sicilia, preceduto solo da Marsala che è la città con il migliore risultato nella gestione dei rifiuti. Tutto il ragusano, comunque si difende bene, da Modica ai comuni montani a Comiso e Scicli mentre Vittoria annaspa ancora. In Sicilia i comuni “rifiuti free” sono in tutto 51, mentre lo scorso anno erano 31: La palma dell’amministrazione più virtuosa va al comune di Castel di Lucio, 1.250 abitanti, nel messinese che produce appena 19 chili di immondizia indifferenziata in un anno.