Ragusa si lecca le ferite della sconfitta con Licata

Corriere di Ragusa Sport: Calcio

Ragusa si lecca le ferite della sconfitta con Licata

Calcio, serie D/I

Dirigenti e squadra infuriati. La sconfitta con il Licata non viene digerita in casa Ragusa per le modalità con cui è maturata. Sotto accusa la direzione arbitrale dell’acese Fabrizio Arcidiacono che ha espulso tre giocatori e annullato un gol a Ferretti per un presunto fuorigioco. L’amarezza è manifestata dal direttore sportivo Santo Palma:Perdiamo Strumbo per doppia ammonizione, subiamo un rigore e ci può stare. Sappiamo che fa parte del gioco. Quello che risulta incomprensibile è tutto quello che è successo dopo. Addirittura, due espulsi, circostanza che non solo ha compromesso il finale del match  ma condizionerà, a causa della nostra rosa che non è certo infinita, anche i prossimi incontri. Ora, non vogliamo necessariamente pensare male ma questi trattamenti, tra l’altro subiti in casa, non sappiamo dire che cosa sottintendano”. Contro il Trapani erano state due espulsioni e tre ammonizioni che poi hanno pesato d il Ragusa ha collezionato così ue sconfitte caslainghe consecutive. Al di là degli episodi consumati solo nell’ultima parte della gara il Ragusa non è riuscito a prendere le misure del Licata, non ha creato situazioni di gioco pericoloso in area avversaria lasciando Randis in balia della difesa ospite. Una partita da dimenticare al più presto per tutto quello che ha portato con sé e che deve, comunque, far riflettere sulla necessità di mantenere la calma, di raffreddare gli animi degli uomini in campo infondendo fiducia e non cadendo nelle provocazioni di avversari o indulgere a inutili vittimismi.