Vittoria perde nella pioggia. Festa Pro Rg

Corriere di Ragusa Sport: Calcio

Vittoria perde nella pioggia. Festa Pro Rg

Calcio, Promozioe/D

Pro Ragusa- Vittoria: 1-0

Marcatori 48’ pt Rimmaudo

Pro Ragusa: Cavone, Guastella, Bettabghor, Jorbarthen, Galeotti, Borrometi, Camuti, Militello Rimmaudo, Vitale, Damasco. All. Nigro

Vittoria: Mangione, Veca (35’st Firillo), Pollara, Zocco, Nei, D’Agosta, Ochi, Barresi, Iapichino, Incardona, Busacca (20’ st Mignacca). All. Costantino

Arbitro: La Paglia di Caltanissetta

Note: al 20’ st espulso Mangione per fallo da ultimo uomo. Al 28’ st espulso Nei per fallo di gioco.

La pioggia porta bene al Pro Ragusa. Al “Biazzo” (foto) chiuso al pubblico, così come tutte le strade circostanti, i neroverdi colgono la prima vittoria della stagione. E’ stata una partita durissima per entrambe le squadre, che si sono date battaglia. Il Vittoria esce sconfitto per i troppi errori commessi ma anche per un organico al limite. Proprio in fase di riscaldamento si fa male anche Sferrazza e la difesa ne risente. Giocatori comunque nervosi e ne fanno fede le due espulsioni che costringono i biancorossi a giocare il secondo tempo in soli 9 uomini. Per non parlare dell’errore madornale commesso in occasione del gol subito su una palla innocua ma sulla quale cincischiano Iapichino e Mangione, favorendo l’inserimento di Rimmaudo che ringrazia e deposita in rete. Il Vittoria ritorna in campo e si attende la reazione ma sbaglia ancora. Retropassaggio di Veca verso Mangione, che è costretto ad atterrare Vitale. Rigore e soprattutto espulsione del portiere. Entra Mignacca e para il tiro prevedibile e lento di Vitale. Il Vittoria potrebbe ripartire ma Nei si fa espellere per un calcio ad un avversario e qui sembrano finire le speranze di prendere punti. Leone va in campo e ci prova con i calci da fermo. La traversa dice no al 44’ e proprio sul finire una mischia in area sembra condurre il pallone in porta ma Borrometi libera. Per il Vittoria niente punti e tantissimo rammarico. Bene il Pro Ragusa, che lotta, corre e non si fa intimidire. Rimmaudo conferma le sue doti di cannoniere e Cavone è una sicurezza. Ora il futuro per la squadra di Nigro sorride di più.